| Home | Pellebeauty | Cerca nel portale | Alimentazione | Allergie | Acne | Antiaging | Benessere | Chirurgia Plastica | Congressi | Cosmetici | Cute Multietnica
|Ginecologia | Igiene | Immunologia | Laser | Medicina Estetica | Odontoiatria Estetica | Pediatria | Psicosomatica | Ricerca | Sport |Societa' | Termalismo
| Tricologia | Virologia | Recensione Libri | Medicina Dolce | Sudorazione Eccessiva | Dermatologia | Ortopedia | Politica Sanitaria | Chirurgia Estetica | Trucco |
   

articolo aggiornato il: Wednesday 04 April 2012

 

 

Le proprieta' naturali della bava di lumaca: la scienza le spiega

La farmacologia chiarisce il ricorso a sostanze naturali per il trattamento e la guarigione di lesioni e inestetismi cutanei

In un precedente numero della nostra rivista abbiamo parlato di alcune formulazioni dermocosmetiche a base di Bava di Lumaca. Alcuni lettori ci hanno chiesto di approfondire le ragioni scientifiche del ricorso a tale sostanza. Per farlo ci siamo rivolti al Prof. Matteo Zanotti Russo, un esperto in analisi dei prodotti cosmetici che insegna nella facolta' di Farmacia dell''Universita' della Calabria.

Le vicende che hanno portato alla scoperta delle pregiate proprieta' della bava di lumaca presente in creme dermocosmetiche oggi in commercio in Italia (Elicina) - in particolare l''aspetto straordinariamente sano e i tempi di cicatrizzazione della pelle delle mani degli allevatori - presentate su questa rivista, sono interessanti anche se non differiscono in modo significativo da altre analoghe casualita' virtuose che hanno portato all''individuazione di derivati naturali attivi e noti. L''esperienza nell''ambito di sviluppo e analisi di formulazioni e principi attivi innovativi in campo dermocosmetico pone l''esperto di fronte alle esigenze di un mercato estremamente dinamico, sensibile alle novita' scientifiche e impegnato nella ricerca di principi funzionali nuovi e interessanti. L''attrazione verso il mondo dei derivati naturali orienta ancora piu' la ricerca di nuovi principi attivi, e spesso non e' difficile ripercorrere idealmente i percorsi piu' frequenti che portano un derivato naturale dall''uso locale e folcloristico alla ribalta dei laboratori di produzione e delle farmacie. In molti casi le aziende interessate allo sviluppo di nuovi attivi fanno ricorso all''immenso bacino della medicina/dermatologia popolare, sia mediterranea che equatoriale, associando le funzionalita' dermatologiche al contributo di immagine fornito dalla novita' (piante sconosciute o usi sconosciuti di piante note, spesso gradevoli e inconsapevoli protagoniste del marketing conseguente) e dalla reale ricchezza che i derivati naturali offrono. E' il caso della Helix aspersa: nome noto in ambito scientifico, per la quale, la valutazione della composizione e delle proprieta' dei derivati presenta invece delle sorprese che differenziano in modo sostanziale questa fonte di principi attivi dai casi analoghi di fonti naturali provenienti dall''uso o dall''esperienza popolare. I lavori scientifici pubblicati in merito alla lumaca domestica sorprendono per quantita' e complessita' in campi di ricerca molto distanti fra di loro (biologico, ambientale, farmaceutico, tecnico) e permettono di arricchire le conoscenze sul metabolismo di questo piccolo organismo, e di identificare le ragioni della efficacia dei prodotti da esso derivati in campo dermatologico. Alcune delle proprieta' correlate alla composizione della bava di lumaca sono strettamente correlate alla sua funzione primaria, che accomuna Helix aspersa agli altri gasteropodi: la locomozione avviene attraverso lo ''scorrimento'' su superfici scabrose, e la ricchezza della bava in mucopolisaccaridi e' giustificata in prima istanza dalle funzionalita' meccaniche necessarie alla locomozione e alla difesa (capacita' di rimanere fortemente aggrappata a superfici verticali nascosta nel guscio). A tal riguardo sono stati avanzati studi sulla composizione aminoacidica [1] e sulla variabilita' dei mucopolisaccaridi nel passaggio da gel scorrevole a gel adesivo, in entrambi i casi allo scopo di valutarne possibili impieghi industriali [2]. Ma lo scorrimento costante della lumaca su superfici dure giustifica la contemporanea funzionalita' ristrutturante della bava necessaria alla riparazione dei tessuti della stessa lumaca, confermata da studi analitici afferenti la composizione (allantoina, amminoacidi, collagene ed elastina) e da studi clinici inerenti la funzionalita' ristrutturante la cute e antibiotiche nei confronti dei principali patogeni cutanei [3]. Fra le caratteristiche che distinguono l''Helix aspersa dagli altri organismi troviamo poi un''anomala resistenza a potenti inquinanti, come i metalli pesanti [4] o gli idrocarburi policiclici aromatici [5], tale da costituire un metodo di sorveglianza dell''inquinamento, dal momento che tali sostanze non ne influenzano la sopravvivenza e la riproducibilita'. Inoltre e' stata posta in evidenza una spiccata capacita' di modulare la composizione proteica e di antiossidanti [6] necessaria a preservare i tessuti e di sopravvivere al congelamento (fino al 40% del tessuto corporeo congelato) [7]. Nell''ambito di sostanze di derivazione naturale, in linea generale e' identificabile una correlazione diretta (e ben nota) fra le ostilita' ambientali e la produzione endogena da parte degli organismi di sostanze e strutture ''difensive'' che costituiscono la base pregiata di molti composti estratti (polifenoliche e antiossidanti). I primi studi sulla composizione amminoacidica del collagene presente nella bava di Helix aspersa risalgono al 1959 [1], quando venne identificata la prevalenza di Glicina e Prolina, oltre a quantita' rilevanti di Idrossiprolina e Acido Glutammico. E' notevole la similitudine nella composizione con i trattamenti topici di ulcere recalcitranti alla cicatrizzazione [8][9], nei quali casi vengono spesso impiegate preparazioni topiche a base di Glicina e Prolina. Un recente studio dimostra come la elevata percentuale di questi 2 residui amminoacidici sia responsabile diretta della conformazione in elastina (versus amiloidina) delle fibre proteiche per via della organizzazione indotta alla matrice dai ponti idrogeno [10]. Oltre alla ben nota e diffusa azione lenitiva dell''Allantoina, e' interessante notare la funzione indotta da percentuali moderate di Acido Glicolico come quelle presenti nella bava di lumaca, che contrariamente ad altri attivi simili (come l''acido lattico, salicilico, piruvico o tricloroacetico), inducono una spiccata azione stimolante la produzione cutanea di procollagene e Collagene di tipo I e la proliferazione di fibroblasti [11][12], ulteriormente dimostrata da uno studio che ha evidenziato come l''acido glicolico induca l''espressione dei geni responsabili della produzione di collagene e acido ialuronico [13]. Peraltro e' dimostrato che l''impiego di acido glicolico insieme al Collagene esogeno (analogamente a quanto avviene con l''impiego della bava di lumaca) produca effetti sinergici di stimolazione della produzione di Collagene endogeno, maggiore rispetto all''effetto indotto dalle due sostanze separate [14]. In conclusione: i dati sulle caratteristiche metaboliche e istologiche della Helix aspersa muller, oltre a supportare e a chiarire gran parte delle pregiate proprieta' dermatologiche rilevate, che ne hanno promosso l''uso e lo studio mediante le verifiche cliniche, permettono di considerare il diffuso organismo come un piccolo bioreattore capace di lasciare sul terreno una miscela insospettabile di sostanze pregiate e altamente efficaci. Fara' piacere sapere, infine, che contrariamente al tradizionale allevamento per uso alimentare, l''impiego come ''produttrici di mucopolisaccaridi'' prevede il recupero e la purificazione della sola bava prodotta al loro passaggio, evitandone in questo caso il sacrificio.

Bibliografia
[1] A.P.Williams, The chemical composition of Snail Gelatin, Bioch. 1960:74[2] Pawlicki JM, Pease LB, Pierce CM, Startz TP, Zhang Y, Smith AM. The effect of molluscan glue proteins on gel mechanics. J Exp Biol. 2004 Mar;207(Pt 7):1127-35.[3] Maricela Gónzalez M., M.Pilar Egaña G., Natalia Muñoz., Paz Correa C. - Snail Extract Cream in burn scars and grafts, COANIQUEM, August 2000[4] Environ Toxicol Chem. 2006 Mar; 25(3):815-22.[5] Sverdrup LE, De Vaufleury A, Hartnik T, Hagen SB, Loibner AP, Jensen J, Effects and uptake of polycyclic aromatic compounds in snails (Helix aspersa). Environ Toxicol Chem. 2006 Jul;25(7):1941-5[6] Ramos-Vasconcelos GR, Cardoso LA, Hermes-Lima M. Seasonal modulation of free radical metabolism in estivating land snails Helix aspersa. Comp Biochem Physiol C Toxicol Pharmacol. 2005 Feb; 140(2):165-74.[7] Ansart A, Vernon P, Daguzan J. Effects of a freezing event during hibernation on further survival, reproduction and growth in the partially freezing tolerant land snail Helix aspersa muller (Gastropoda: helicidae). Cryo Letters. 2002 Jul-Aug;23(4):269-74.[8]Arata,J. Hatakemaka, K, Oono,T. Effect of topical application og glycine and praline on recalcitrating ulcers of prolidase deficiency Arch.Dermatol. 1986 Jun; 122(6):626-7[9] Ortega Garci'a M.P., Ca'noves Escolano M.A., Blasco Segura P., Garci'a Melgares M.L., Effective theraly with a glicine-proline ointment in a patient with recurrent ulcers from prolidase deficiency Farm.Hosp. 2006 Set-Oct; 30(5): 304-8[10] Raucher S., Baud S., Miao M., Keeley F.W., Pome's R., Proline and glycine control protein self-organisation into elastomeric or amyloid fibrils Structure 2006 Nov, 14(11):1667-76[11] Kim S.J., Park J.H., Kim D.H., Won Y.H., Maibach H.I., Increased in vivo collagen synthesis and in vitro cell proliferative effect of glycolic acid Dermatol Surg. 1998 Oct; 24(19): 1054-8[12] Inan S., Oztukcan S., Vatansever S., Ermertcan A.T., Zeybek D., Oksal A., Giray G., Muftuoglu S., Histopathological and ultrastructural effects of glyclic acid on rat skin Acta Histochem 2006; 108(1): 37-47[13] Bernstein E.F., Lee J., Brown D.B., Yu R., Van Scott E., Glycolic acid treatment increases type I collagen mRNA and Hyaluronic acid content of human skin Dermatol. Surg. 2001 May; 27(5):429-33[14] Sito G., Sorrentino L., Interaction between bovine collagen and glycolic acid peeling: a proposal of a new protocol Aestetic Plast. Surg. 1996 Jul-Aug; 20(4):337-41



 



|Home| |Torna indietro| |richiedi l'articolo| |chiedi al medico|
www.lapelle.it
Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la duplicazione degli articoli anche parziale 
senza espressa autorizzazione dell'editore